Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.) 
 

Particolare rilievo nell'assistenza geriatrica assumono le Residenze sanitarie assistenziali (R.S.A.) che sono strutture dipendenti dalle ASL create per dare risposte alle esigenze di anziani non autosufficienti e non trattabili a domicilio.
Secondo le indicazioni stabilite dalle linee guida del ministero della Sanità sono strutture a metà strada tra una casa albergo e un ospedale vero e proprio. In media devono avere 60 posti letto, suddivisi in settori da 20-25. Solo in aree densamente popolate si può arrivare a strutture di 120 posti letto.
Le R.S.A. si trovano generalmente in zone già urbanizzate, collegate da mezzi pubblici ai centri urbani per evitare ogni forma di isolamento delle persone anziane o difficoltà di incontro con i familiari o di allontanamento dall'ambito sociale di appartenenza.
Agli ospiti è destinata una camera che divideranno al massimo con altre tre persone, dotata di bagno autonomo. Soprattutto nelle residenze di recente costruzione vengono proposti modelli abitativi di tipo familiare.
L'assistenza sociale nelle residenze è assicurata 24 ore al giorno dal personale addetto che aiuta gli anziani non autosufficienti nelle faccende domestiche e nella cura della propria persona; mentre degli aiuti sanitari si occupano infermieri, terapisti della riabilitazione, medici di famiglia, geriatri e altri specialisti.
Per richiederne l'accesso a una RSA è necessario rivolgersi alla ASL o al Servizio sociale del quartiere di residenza, in modo da avere riconosciuta la condizione di non autosufficienza.
Per quanto riguarda la partecipazione alle spese, l'indirizzo prevalente è quello di far pagare all'utente le spese alberghiere e sociali, mentre quelle sanitarie sono a carico dell'ASL.
Stabilite dagli enti che gestiscono le RSA in accordo con il Comune, le spese sono dunque in parte a carico del Servizio sanitario nazionale, in parte a carico del Comune e in parte a carico dell'utente e della sua famiglia. In base all'art. 25 della legge n. 328/2000 e ai decreti legislativi n. 109/1998 e n. 130/2000, gli oneri a carico dell'utente non sono calcolati solo in base al reddito ma anche tenendo conto dei beni mobiliari e immobiliari.
La tariffa giornaliera a carico del paziente varia a seconda delle Regioni e si differenzia in base al fatto che il posto letto sia convenzionato con il Servizio sanitario nazionale oppure no. In generale, le quote giornaliere variano da circa 26 a oltre 50 euro.
La possibilità di usufruire di un posto letto convenzionato dipende dall'accertamento della non autosufficienza da parte dell'Unità valutativa geriatria e l'invio nella RSA deve essere disposto dall'ASL competente, altrimenti la retta è totalmente a carico della persona ricoverata.
Nel caso in cui la persona si trovi nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbisogni di un'assistenza continua, potrà disporre dell'indennità di accompagnamento, indipendentemente dalla sua situazione economica. Sono escluse dall'indennità solo le persone ricoverate gratuitamente in istituto.

 
  
Residenza Assistenziale Flessibile (R.A.F.)

Le Residenze assistenziali flessibili (R.A.F.) sono strutture socio-assistenziali di "ospitalità permanente" con l'obiettivo di fornire accoglienza, prestazioni assistenziali e di recupero a persone in condizioni psico-fisiche di parziale autosufficienza o di non autosufficienza per cause sopravvenute durante il ricovero, a meno che, esigenze di carattere sanitario accertate non richiedano il ricorso a soluzioni diverse.
Si fa ricorso alle R.A.F. quando non è possibile attivare un programma di
Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) e quando non sono necessarie cure e prestazioni sanitarie tipiche delle Residenze sanitarie assistenziali (R.S.A.).
Le R.A.F. forniscono prestazioni sanitarie analoghe a quelle erogabili attraverso l'A.D.I.
I presidi o reparti R.A.F. possono avere una capienza variabile tra i 10 e i 60 posti letto e sono attivi nell'arco delle 24 ore, per l'intera settimana o per tutto l'anno. Inoltre, le R.A.F. garantiscono il dignitoso soddisfacimento dei bisogni primari e assistenziali degli ospiti.